Lattoferrina e Quercetina, due alleati per contrastare il Coronavirus

Lattoferrina e Quercetina, due alleati per contrastare il Coronavirus

In questo periodo la diffusione mediatica di notizie legate al Covid-19 ha polarizzato l’attenzione di tutti, travalicando le frontiere culturali e sociali. La paura ci spinge a divorare notizie di ogni tipo, senza verificarne attendibilità e fonti. Nella rete si trovano senza problemi cure di ogni sorta, a base di cocktail di farmaci che possono avere effetti molto peggiori della malattia stessa.

 

Ci siamo dimenticati però che la natura è nostra amica e che rinforzare le nostre difese immunitarie in modo naturale dovrebbe essere la priorità da perseguire. Sarebbe sufficiente assumere la giusta quantità di vitamina C e di antiossidanti contenuti in frutta e verdura fresca per avere la coscienza apposto. Spesso però non riusciamo ad assumerne a sufficienza, mettendo così a rischio le nostre difese immunitarie. Come ovviare a questa carenza? Le risposte sono molteplici ma in questo articolo vogliamo parlarvi di una proteina e di un flavonoide che sono balzati agli onori della cronaca.

Recenti studi hanno individuato due sostanze in grado di contrastare i sintomi del Covid-19: la Lattoferrina e la Quercetina.

 

Vediamo cosa sono

 

La Lattoferrina è una proteina contenuta nel latte materno, nel colostro e nel latte vaccino. Questa proteina garantisce adeguate difese immunitarie ai neonati e negli adulti serve al sangue per trasportare il ferro, di qui il nome latto-ferrina. La proprietà che più ci interessa di questa formidabile proteina per è la sua fortissima azione antibatterica e antivirale.  Grazie alla protezione che esercita a livello cellulare, la lattoferrina impedisce a molti virus di attecchire all’interno della cellula, inibendo così la proliferazione del virus all’interno dell’organismo.

 

La Quercetina, invece, è un flavonoide ubiquitario presente in una grande varietà di frutti (mele, uva, olive, agrumi, frutti di bosco), verdure (pomodori, cipolle, broccoli, capperi), bevande (tè e vino rosso) ed estratti erboristici. Questo flavonoide riduce i versamenti ematici e l’insufficienza venosa, tipici disturbi legati alla comparsa di ematomi, lividi, emorroidi, capillari fragili e varici. La quercetina svolge inoltre un’azione antiossidante e antiproliferativa, cioè inibisce la replicazione di alcune cellule, come quelle tumorali. Una recente sperimentazione in vitro dimostrerebbe come la quercetina riesca a inibire un enzima del Coronavirus, il 3CLpro, impedendo la sua replicazione.

 

 

Utilizzati insieme dunque sono due alleati utili a combattere l’insorgere del coronavirus. Per maggiori informazioni potete passare personalmente all’Erboristeria Il Bergamotto dove troverete la cordialità e l’esperienza dell’erborista Federica Frascà che potrà fugare ogni dubbio e saprà consigliarvi al meglio.